definitivo2023frontpaolo-recuperato

01architetti Architetti  |   Mail.  01architettil@gmail.com

Piazza Brignole 3/9 Genova (GE)   |   Tel. 0108684978   |   Cell. 3757774109

 

© 2024 - 01architetti Architettura & Design

Beni culturali "Rolli di Genova"

formatoorizzontale11111

 

Localizzazione: Genova (GE)

Committente: Condominio

Lavoro: Restauro e risanamento conservativo

di atrio e corpo scale dell’edificio sito

a Genova in Via del Campo 10

Data: 2006 (progettazione), 2007 (realizzazione)

Importo di lavori: 148.175€

Progetto: Arch. A. Costanzo – Arch. R. Navarra

Collaboratori: Mantelli 1948 srl

Categoria opera (tavola z-1): E-22

055_confronto-foto-1_1612457576185055_foto-abbinate-3055_foto-abbinate-2055_confronto-foto-2055_foto-abbinate-1

<<< Confronti prima e dopo 

Descrizione

Il Palazzo Bartolomeo Invrea, edificio sito in via del Campo 10 nel centro storico di Genova, fa parte degli edifici iscritti ai “Rolli di Genova” e dal 2006 patrimonio dell’UNESCO.

Con il termine “Rolli” venivano indicate, al tempo dell’antica Repubblica, le liste dei palazzi e delle dimore eccellenti delle nobili famiglie che ambivano ad ospitare, sulla base di un sorteggio pubblico, le alte personalità in transito per visite di stato. In tempi successivi le medesime abitazioni hanno ospitato viaggiatori illustri che includevano il capoluogo ligure nei loro Grand Tour culturali e/o turistico – economici.

Non si conosce l’anno di fondazione ma nel primo rollo è già iscritto a nome di Silvestro I. qm. Bartolomeo (1576 secondo bussolo) sino a che non ricompare sotto Silvestro Invrea (1614 secondo bussolo); poi sempre nello stesso secolo appartiene a un Cybo principe di Massa.

Nel 1779 lo acquistano i Raggio che accorpano un intero isolato. Durante i lavori della “carrettiera Carlo Alberto” (l’odierna via Antonio Gramsci), iniziati nel 1835, viene in parte affiancato dai nuovi corpi di botteghe e mezzani ma anche sopraelevato e accorpato all’unità di testa in cui convergeva il porticato di Sottoripa la Scura.

Dopo aver ospitato “l’hotel Quattro Nazioni”, nel 1871 è venduto ai fratelli Chiappe che gli restituiscono la destinazione residenziale e lo cedono alla famiglia Cellario-Serventi.